Best Chef Award

ANTONIO BACHOUR

Uno dei migliori dieci pasticceri d’America, riconosciuto in tutto il mondo per le sue capacità interpretative e l'appassionata immaginazione delle sue realizzazioni. Con Pavoni collabora alla creazione di stampi per monoporzioni, torte e praline.

La collezione Pavoni è caratterizzata da idee innovative e prodotti dal design unico, realizzati in collaborazione coi migliori professionisti del settore.

All'interno di queste collaborazioni spicca la sinergia con Antonio Bachour, premiato American Pastry Chef. La sua formazione internazionale, in continua evoluzione, lo ha portato a ottenere importanti riconoscimenti; semifinalista al JB Award 2016, vincitore nel 2012 del Johnson and Wales Zest Award per la pasticceria innovativa e finalista nel 2011 dell'International Chef Congress Pastry Competition. Nel 2018 ha vinto i Best Chefs Awards e nel 2019 vince il titolo di “Pasticcere dell'anno” dalla rivista Esquire.



Con Antonio Bachour Pavoni Italia ha lavorato nella ricerca e sviluppo di stampi dedicati alla realizzazione di monoporzioni, praline e una linea di colori dedicati al mercato americano con particolare attenzione ad un gusto moderno ed internazionale.

La partnership con Pavoni Italia – afferma Bachour - è di estrema soddisfazione. Ho trovato in Pavoni un team di professionisti dinamici, creativi, votati all’internazionalizzazione e sempre pronti a cogliere le sfide dei futuri trend di mercato. Pavoni riesce a trasformare le mie idee in realtà. E’ un reciproco arricchimento, di cui vado particolarmente fiero.”



SCOPRI I VIDEO



REGISTRATI PER SCARICARE LE RICETTE DELLO CHEF

I dati saranno trattati da Pavoni italia S.p.A. per rispondere alle sue richieste come indicato nell'informativa privacy.

LO CHEF

ANTONIO
BACHOUR

La sua famiglia è originaria del Libano ma nasce a Porto Rico. La sua passione per il mondo del dolce nasce subito, fin da bambino ha le mani in pasta nel negozio di alimentari dei genitori.

Capisce subito che il suo destino è la pasticceria e spicca il volo a New York dove frequenta la french pastry school. Nel 2002 si trasferisce a Miami e collabora con vari locali di pasticceria e presto sviluppa: Bachour at Citadel, Bachour at Time Out e a Coral Globes. La sua reputazione in questi anni cresce e vince svariati premi: C’è lo Zest Awards 2012, nel 2011 è fra i top 10 pasticceri statunitensi e fra gli ultimi riconoscimenti nel 2019 c’è la nomina come Pastry Chef of the Year. Viaggia tanto, gira il mondo e la sua notorietà cresce e si consolida anche la sua reputation social. Un successo giornaliero con centinaia di commenti e feedback positivi da tutto il mondo.

Chef